CGC

Condizioni generali di contratto della Bayerische Milchindustrie eG
(Stato: 28/08/2017)

I. Campo di applicazione

  1. Le presenti condizioni generali di contratto trovano validità per tutti i rapporti commerciali della Bayerische Milchindustrie eG (BMI) con i nostri partner contrattuali, se questi ultimi sono imprenditori ai sensi del § 14 del BGB [codice civile tedesco]. Esse trovano altresì validità per tutti i rapporti commerciali futuri, sebbene non vengano pattuiti espressamente una seconda volta.
  2. Le nostre condizioni generali di contratto hanno validità esclusiva. Eventuali condizioni generali di contratto del partner contrattuale divergenti, contrastanti o integrative diventano parte integrante del contratto soltanto nel momento e nella misura in cui noi abbiamo espressamente acconsentito alla loro validità. Tale necessità di consenso vale ad ogni modo anche quando ad esempio noi, conoscendo le condizioni di contratto del partner contrattuale, forniamo senza riserve il servizio a quest’ultimo.
  3. Le pattuizioni individuali, convenute caso per caso con il partner contrattuale, compresi accordi verbali, integrazioni e modifiche, hanno ad ogni modo priorità rispetto alle condizioni generali di contratto. Per il contenuto di tali pattuizioni è determinante, fatta salva una prova a sostegno del contrario, un contratto scritto oppure la nostra conferma scritta.

II. Offerta e stipula del contratto

  1. Un’ordinazione da parte del partner contrattuale da qualificarsi come offerta per la stipula del contratto può essere accettata da parte nostra entro due settimane con l’invio di una conferma dell’ordine o con la spedizione della merce ordinata entro lo stesso termine.
  2. Le nostre offerte sono senza impegno e non vincolanti, in particolare relativamente a quantità, prezzo e termini di consegna, salvo che noi non li abbiamo espressamente indicati come vincolanti.
  3. Ci riserviamo i diritti di proprietà, di autore e di tutela su tutte le illustrazioni, i calcoli, le specifiche dei prodotti e i disegni e altra documentazione. Il partner contrattuale può trasmettere tali dati a terzi soltanto con il nostro consenso scritto, indipendentemente dal fatto che li abbiamo contrassegnati come confidenziali.

III. Condizioni di pagamento, compensazione, diritto di ritenzione

  1. I nostri prezzi sono franco fabbrica, salvo quanto diversamente stabilito nella conferma dell’ordine. L’IVA di legge non è compresa nei nostri prezzi. Qualora quest’ultima sia dovuta, verrà dichiarata separatamente nella fattura per l’ammontare determinato per legge al momento dell’emissione della fattura stessa.
  2. Salvo diverse pattuizioni scritte, l’importo della fattura è esigibile senza detrazioni entro dieci giorni dalla data di emissione della fattura. Un pagamento è da considerarsi corrisposto nel momento in cui possiamo disporre dell’importo. In caso di ricorso ad assegni, il pagamento è considerato corrisposto nel momento in cui l’assegno viene riscosso.
  3. Abbiamo il diritto di eseguire forniture o servizi ancora in sospeso soltanto dietro pagamento anticipato, qualora successivamente alla stipula del contratto ci venga data comunicazione di circostanze adatte ad attenuare notevolmente la solvibilità del partner contrattuale e attraverso le quali il pagamento dei crediti dovuti della BMI da parte del partner contrattuale derivanti dal rispettivo rapporto contrattuale viene compromesso.
  4. Qualora il partner contrattuale cada in mora con un pagamento, acquistano validità le regolamentazioni previste per legge.
  5. Il partner contrattuale ha diritto alla compensazione, anche quando vengono rivendicati reclami per difetti o domande riconvenzionali, soltanto se è stato stabilito che le domande riconvenzionali sono passate in giudicato o se sono incontestabili.
  6. Il partner contrattuale è autorizzato a esercitare il diritto di ritenzione soltanto se la sua domanda riconvenzionale risulta dal medesimo rapporto contrattuale ed è stato stabilito che è passata in giudicato o è incontestabile.

IV. Fornitura

  1. I termini di fornitura o le scadenze che non sono state pattuite espressamente come vincolanti sono dati esclusivamente non vincolanti. L’osservanza dei nostri obblighi di fornitura e di servizio presuppone l’adempimento tempestivo e corretto degli obblighi da parte del partner contrattuale. Resta riservata un’auto-fornitura corretta e tempestiva.
  2. Noi abbiamo il diritto di eseguire forniture e servizi parziali in qualsiasi momento, nella misura in cui ciò sia accettabile per il partner contrattuale.
  3. Qualora per motivi non imputabili a noi non possiamo rispettare termini di fornitura vincolanti, ne daremo immediata comunicazione al partner contrattuale e al contempo comunicheremo il nuovo termine di fornitura previsto. Qualora il servizio non sia disponibile anche entro il nuovo termine di consegna, abbiamo il diritto di recedere, in toto o in parte, dal contratto; provvederemo all’immediato rimborso di un corrispettivo già saldato da parte del partner contrattuale.
  4. L’inizio della nostra mora di consegna viene definito secondo le disposizioni legislative. Ad ogni modo è tuttavia necessaria una costituzione in mora da parte del partner contrattuale. Qualora cadiamo in mora di consegna, il partner contrattuale può richiedere un risarcimento forfettario del danno di mora. L’importo forfettario del danno ammonta per ogni settimana di calendario conclusa di mora a 0,5% del prezzo netto (valore di fornitura), nel complesso tuttavia a un importo non superiore al 5% del valore di fornitura della merce fornita in ritardo. A noi resta riservata la prova che il partner contrattuale non ha subito danni o ha subito soltanto un danno notevolmente inferiore rispetto all’importo forfettario summenzionato.
  5. Restano salvi i diritti del partner contrattuale ai sensi del punto VII. e i nostri diritti legali, in particolare in caso di esclusione dell’obbligo di servizio, ad es. a causa di impossibilità o inaccettabilità del servizio e/o adempimento successivo.

V. Spedizione/imballaggio, passaggio del rischio, mora di accettazione

  1. Salvo diverse pattuizioni, la modalità di spedizione e l’imballaggio sottostanno al giudizio doveroso della BMI.
  2. Qualora su richiesta del partner contrattuale la BMI acquisti un imballaggio specifico per un prodotto, prima dell’acquisto il partner contrattuale deve accordarsi con la BMI relativamente alle quantità di imballaggi da acquistare. Qualora per motivi non imputabili alla BMI le quantità di imballaggi acquistate non vengano completamente consumate, le spese relative agli imballaggi non consumati così come a una eventuale distruzione eseguita su richiesta del partner contrattuale sono a carico di quest’ultimo.
  3. Il rischio del deperimento o deterioramento casuale della merce passa al partner contrattuale al più tardi al momento della consegna.
  4. Qualora il partner contrattuale cada in mora di accettazione, ometta un atto di collaborazione o la nostra fornitura subisca ritardi per altri motivi imputabili al partner contrattuale, abbiamo il diritto di pretendere il risarcimento del danno derivante comprese le spese eccedenti (ad es. le spese di stoccaggio). In questo caso calcoliamo un risarcimento forfettario pari allo 0,25% del rispettivo importo della fattura per ogni settimana scaduta, a partire dal termine di consegna o dalla data di comunicazione della disponibilità di spedizione della merce. Restano salve la prova a sostegno di un danno superiore e i nostri diritti legali, in particolare un risarcimento adeguato e la risoluzione; l’importo forfettario è tuttavia da computare su rivendicazioni monetarie più ampie. Al partner contrattuale resta riservata la prova che noi non abbiamo subito danni o abbiamo subito soltanto un danno notevolmente inferiore rispetto all’importo forfettario summenzionato.

VI. Responsabilità per difetti

  1. Per i diritti del partner contrattuale in caso di difetti materiali e di diritto trovano validità le disposizioni legislative, salvo quanto diversamente disposto di seguito. In tutti i casi restano salve le disposizioni legislative particolari per la fornitura finale della merce a un consumatore (§§ 478, 479 BGB, [codice civile tedesco]).
  2. Il fondamento della nostra responsabilità per difetti è soprattutto la pattuizione convenuta relativamente allo stato della merce. Come pattuizione relativamente allo stato della merce sono da considerarsi tutte le specifiche del prodotto che sono oggetto del singolo contratto; a tal proposito non c’è alcuna differenza se le specifiche del prodotto provengono dal partner contrattuale, dal produttore o da noi. Non ci assumiamo responsabilità per dichiarazioni pubbliche rilasciate dal produttore o da altri terzi, ad es. affermazioni pubblicitarie.
  3. Le rivendicazioni e i diritti per difetti da parte del partner contrattuale sussistono soltanto se il partner contrattuale ha debitamente adempiuto ai suoi obblighi di analisi e di reclamo dovuti ai sensi del § 377 del HGB [codice commerciale tedesco]. Qualora al momento dell’analisi o in un secondo momento venga riscontrato un difetto, dobbiamo riceverne immediatamente comunicazione scritta. Qualora il partner contrattuale trascuri la debita analisi e/o la comunicazione dei difetti, è esclusa la nostra responsabilità per il difetto non comunicato.
  4. Qualora la merce fornita sia difettosa, possiamo scegliere a titolo di adempimento successivo se eliminare il difetto o se fornire una merce priva di difetti. Resta salvo il nostro diritto di respingere l’adempimento successivo in presenza dei presupposti di legge. Il partner contrattuale deve darci il tempo e l’occasione necessari all’adempimento successivo e alla fornitura sostitutiva, in particolare deve consegnarci la merce oggetto della contestazione per consentire eventuali controlli.
  5. Le spese necessarie ai fini del controllo e dell’adempimento successivo, in particolare le spese relative al trasporto, al lavoro e al materiale sono a nostro carico, se effettivamente sussiste un difetto. In caso contrario possiamo pretendere dal partner contrattuale il risarcimento delle spese derivate dalla richiesta illegittima di eliminare il difetto, in particolare delle spese relative al controllo e al trasporto, salvo che i partner contrattuali non abbiano riconosciuto l’assenza di difetti.
  6. Qualora l’adempimento successivo sia fallito o un termine adeguato che spetta stabilire al partner contrattuale per l’adempimento successivo sia scaduto senza dare risultati o esso sia indispensabile secondo le disposizioni legislative, il partner contrattuale può recedere dal contratto o pretendere una riduzione del prezzo pattuito. In caso di un difetto irrilevante non sussiste tuttavia diritto di recesso.
  7. Le rivendicazioni da parte del partner contrattuale del risarcimento dei danni o meglio di spese vane sussistono anche in caso di difetti solo conformemente a quanto stabilito al punto VII e per il resto sono escluse.
  8. I termini di prescrizione per rivendicazioni derivanti da difetti materiali e di diritto sono pari a un anno dalla data di consegna. Nella misura in cui sia stata pattuita una diminuzione, la prescrizione comincia con la diminuzione.

VII. Altra responsabilità

  1. Salvo quanto diversamente disposto nelle presenti condizioni generali di contratto, comprese le disposizioni seguenti, in caso di violazione degli obblighi contrattuali ed extracontrattuali rispondiamo secondo le disposizioni legislative.
  2. Con riferimento al risarcimento dei danni rispondiamo - per qualsiasi motivo giuridico - nell’ambito della responsabilità per colpa in caso di dolo e colpa grave. In caso di colpa lieve rispondiamo, fatto salvo un criterio di responsabilità più lieve secondo le disposizioni legislative, soltanto (a) di danni dovuti a lesioni della vita, del corpo o della salute così come (b) di danni dovuti alla lesione considerevole di un obbligo contrattuale fondamentale, sebbene in questo caso la nostra responsabilità sia limitata al risarcimento del danno prevedibile e che potrebbe verificarsi in casi analoghi. Tali limitazioni di responsabilità trovano validità anche in caso di lesioni degli obblighi a opera di persone la cui colpa è imputabile a noi secondo le disposizioni legislative. Esse perdono validità, nella misura in cui abbiamo dolosamente taciuto un difetto o non abbiamo dato garanzie per lo stato della merce o per le rivendicazioni secondo la legge di responsabilità del prodotto.
  3. Il partner contrattuale può recedere o disdire a causa di una lesione dell’obbligo che non consiste in un difetto soltanto se tale lesione dell’obbligo è imputabile a noi. È escluso un diritto di recesso libero da parte del partner contrattuale. Trovano inoltre validità i presupposti di legge e le conseguenze giuridiche.
  4. I termini di prescrizione regolamentati al punto VI. 8 trovano validità anche per rivendicazioni di risarcimento dei danni contrattuali ed extracontrattuali, basate su un difetto della merce; ciò non vale per le rivendicazioni di risarcimento dei danni ai sensi del punto VII. 2. pag. 1 e 2 (a) nonché per rivendicazioni di risarcimento dei danni secondo la legge di responsabilità del prodotto le quali cadono in prescrizione esclusivamente dopo i termini di prescrizione previsti per legge.

VIII. Riserva di proprietà

  1. Ci riserviamo la proprietà delle merci vendute fino al completo pagamento di tutti i nostri crediti attuali e futuri derivanti dal rapporto contrattuale e dal rapporto commerciale in essere, denominati di seguito anche “crediti assicurati”.
  2. È fatto divieto impegnare a terzi o trasferire per motivi di sicurezza legale le merci soggette alla riserva di proprietà fino al completo pagamento dei crediti assicurati. Qualora venga presentata domanda per aprire una procedura di insolvenza o in caso di interventi da parte di terzi, ad es. pignoramenti, nelle merci di nostra appartenenza, il partner contrattuale deve darcene immediatamente comunicazione scritta.
  3. In caso di inadempimento contrattuale da parte del partner contrattuale, in particolare in caso di mancata corresponsione degli importi della fattura dovuti, abbiamo il diritto di recedere dal contratto secondo le disposizioni legislative o/e di pretendere la restituzione della merce in virtù della riserva di proprietà. La pretesa di restituzione non contiene al contempo la dichiarazione di recesso; abbiamo piuttosto il diritto di pretendere unicamente la restituzione della merce e di riservarci il recesso. La rivendicazione di tali diritti ha luogo soltanto se al partner contrattuale è stato stabilito un termine di pagamento adeguato prima senza successo o se un termine di questo tipo non è necessario secondo le disposizioni legislative.
  4. Il partner contrattuale ha il diritto di cedere e/o utilizzare la merce di riserva debitamente nelle transazioni commerciali, fintantoché non versa in mora di pagamento. Fin d’ora il partner contrattuale cede integralmente a noi i crediti derivanti dalla rivendita o da un altro motivo giuridico, ad es. rimborsi da assicurazione, relativamente alla merce di riserva; con il presente contratto accettiamo tale cessione. Autorizziamo con diritto di revoca il partner contrattuale a riscuotere a suo nome i crediti a noi ceduti per la loro fattura. L’autorizzazione alla riscossione può essere revocata in qualsiasi momento, qualora il partner contrattuale non adempia debitamente ai suoi obblighi di pagamento. Il partner contrattuale non è autorizzato a cedere tali crediti anche ai fini della riscossione del credito mediante factoring, salvo che al contempo non venga motivato l’obbligo del factor a saldare direttamente a nostro favore il corrispettivo dell’ammontare dei crediti, finché sussistono ancora crediti assicurati da parte nostra contro il partner contrattuale.
  5. Una lavorazione o una trasformazione della merce di riserva da parte del partner contrattuale viene eseguita ad ogni modo per noi. Salvo che la merce di riserva venga lavorata con altri oggetti non di nostra appartenenza, acquisiamo la comproprietà del nuovo oggetto in rapporto al valore della merce di riserva rispetto agli altri oggetti lavorati al momento della lavorazione. Qualora l’oggetto del partner contrattuale sia da considerarsi oggetto principale successivamente alla lavorazione con altri oggetti, noi e il partner contrattuale conveniamo che il partner contrattuale ci trasferisca la comproprietà in modo proporzionale; con il presente contratto accettiamo il trasferimento. Il partner contrattuale conserva gratuitamente per noi la nostra proprietà esclusiva o comproprietà così derivata del nuovo oggetto.
  6. Qualora il valore realizzabile delle garanzie superi i nostri crediti assicurati di oltre il 10%, rilasceremo su richiesta del partner contrattuale garanzie a nostra discrezione.

IX. Luogo di adempimento, foro competente, diritto applicabile

  1. Luogo di adempimento e foro competente per tutte le controversie che dovessero insorgere tra noi e il partner contrattuale derivanti dai contratti stipulati tra le due parti (comprese cause relative ad assegni e cambiali) è Landshut, purché il partner contrattuale sia da qualificarsi come commerciante o imprenditore ai sensi del § 14 del BGB [codice civile tedesco]. Abbiamo tuttavia il diritto di adire le vie legali contro il partner contrattuale anche presso la residenza o la sede sociale di quest’ultimo.
  2. I rapporti tra le parti contrattuali vengono regolamentati esclusivamente secondo la legislazione vigente nella Repubblica Federale di Germania. È esclusa la validità del diritto comune europeo della vendita.